Vegano si nasce o si diventa?

Vegano si nasce o si diventa?

Chi è il vegano? Cosa vuol dire vegano? Cosa mangia un vegano? Oggi a queste domande è più facile rispondere grazie alla conoscenza approfondita di questo termine sempre più di moda.

La diffusione di questo stile alimentare introduce un tema di riflessione: è una moda oppure un vero e proprio stile di vita? Sono numerosi i personaggi famosi che si riconoscono in questo stile alimentare, tanto da esserne orgogliosi e da consigliarlo per gli effetti benefici. Per questo motivo sorge un dubbio: si tratta di una tendenza dettata dai vip?

Ma chi è definito vegano e come si diventa?

Generalmente il vegano è una persona che ha un profondo rispetto per l’ambiente e gli animali, attento alla sua salute, apprezza un prodotto naturale anche nella cura delle malattie. Una persona diventa vegana per numerosi motivi:

  • L’amore per gli animali destinati al consumo umano ed il rifiuto delle pratiche di allevamento intensivo;
  • Il rifiuto dell’abuso di consumo di carne;
  • Cura e rispetto per l’ambiente;
  • Preferenza di consumo per i prodotti naturali;
  • La consapevolezza che nei cibi tradizionali, vengano impiegati (per la produzione e trasformazione) agenti chimici che finiscono nel nostro organismo e si disperdono nell’ambiente, inquinandolo;

Alle tante persone che non conoscono questo stile alimentare, viene spontaneo chiedersi se diventare vegano fa bene alla salute. Spesso capita di avvicinarsi a questo stile alimentare, dopo aver riscontrato problemi di salute più o meno gravi, con la possibilità di seguire una dieta più sana.

Piramide alimentare vegan
Piramide alimentare vegan

Il vegano basa la sua dieta sul consumo di vegetali, escludendo le carni ed il pesce, il miele, la pappa reale, la propoli oltre che i derivati del latte e le uova. Questo stile alimentare ben si adatta agli sportivi, in quanto i nutrienti fondamentali sono i carboidrati e non vi è l’apporto proteico animale, ma vegetale. Certamente è sconsigliato il fai da te, anche perché bisogna sapere che l’assenza delle proteine animali deve essere compensata da altre di origine vegetale o da integratori specifici. Per cui occorre fare attenzione anche ad intraprendere un percorso vegano per i bambini. Consultarsi sempre con il pediatra per verificare la possibilità del passaggio da un’alimentazione convenzionale ad una vegana.

Anche per chi soffre di osteoporosi non ci sono preclusioni ma occorre consumare molta frutta e verdura, cereali, noci, ed altri alimenti con elevato contenuto di calcio. Certamente vi sono medici che sostengono con forza le ragioni dello stile vegano, riconoscendone le virtù, ve ne sono altri che sono legati alla tradizionale modalità di nutrizione, specialmente per quel che riguarda i bambini.

Speriamo che questo modello di consumo riesca a sensibilizzare le coscienze di tanti nei confronti dell’ambiente e degli animali, senza estremismi o senza considerare il proprio stile corretto e tutti gli antagonisti sbagliati. Ognuno è libero di nutrirsi come meglio crede, l’importante è avere una coerenza ambientalista ed animalista rivolta non solo al cibo, ma anche verso tutte le pratiche quotidiane che dovrebbero contribuire alla buona salute di noi tutti.

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *