La dentizione del bambino

La dentizione del bambino

Ogni bambini ha una propria tabella di crescita, differente da caso a caso, in base a numerose condizioni. In generale i primi dentini per i bambini di pochi mesi, rappresentano più una preoccupazione per i genitori che per il bambino stesso.

Il primo dentino da latte spunta tra il quarto e l’ottavo mese di vita, generalmente si tratta di uno dei due incisivi inferiori, che spuntano a breve distanza di tempo entrambi.

Potrebbe spuntare anche intorno al compimento del primo anno di vita del bambino, preoccupando i genitori in quanto associano questo naturale ritardo a qualche malattia relativa al metabolismo o all’assimilazione di vitamine.

Non deve allarmare in quanto ci sono bambini che vedono spuntare il primo dentino già dopo due mesi di vita, altri un po’ più tardi, così come muovere i primi passi.

Uno dei fattori importanti resta la familiarità, vale a dire se uno dei due genitori ha manifestato ritardo da bambino per la dentizione. Se però il primo dentino non spunto entro l’anno di età, è consigliabile una valutazione più approfondita effettuata dal pediatra di famiglia.

Ecco lo schema tradizionalmente riconosciuto per la dentizione:

  • 4-6 mesi (incisivi inferiori);
  • 7-9 mesi (incisivi superiori);
  • 12-18 mesi (incisivi laterali e molari);
  • 18-24 mesi (canini);
  • 24-36 mesi (secondi molari).

Ci si accorge che sta spuntando il primo dentino, quando la gengiva risulta gonfia, arrossata e si notano dei puntini bianchi sulla stessa in corrispondenza dei denti.

A volte si manifesta con arrossamenti su guance e mento, il bambino piange senza un motivo apparente (fame, coliche, panno sporco, ecc.), diventa irrequieto, non riesce a dormire con continuità, vi è la presenza di bave. Spesso questi sintomi, rendono il bambino inappetente, preferendo pasti non caldi ecco da dove nascono le principali preoccupazioni per i genitori: “il mio bambino non mangia più, chissà cosa avrà!”.

Ci sono bambini che manifestano anche febbre, non eccessivamente elevata, ma che non sono riconducibili ai denti ma ad un processo di indebolimento del sistema immunitario generale, rispetto a qualche tipologia di virus.

Invece, la presenza di bava e l’aumento di salivazione, porta a volte ad episodi di diarrea.

Questi sintomi in realtà iniziano a manifestarsi in quanto fino al primo dentino, il bimbo è stato protetto dagli anticorpi materni ricevuti dalla gravidanza, per cui adesso il suo sistema immunitario reagisce agli stimoli esterni difendendosi adeguatamente.

Per alleviare questi disturbi è sufficiente far mordere oggetti  freschi, in gomma ruvida, presenti in commercio sotto forma di giocattoli prima infanzia, eventualmente applicare gel adatti ad alleviare la sensazione di dolore e gonfiore, a base di aloe, calendula, timo, malva, camomilla, e preferire un’alimentazione con cibi non troppo caldi o facili da ingerire.

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *