Condizionatori: consigli per un corretto utilizzo

Condizionatori: consigli per un corretto utilizzo

Possibili danni alla salute causati dall’aria condizionata

L’aria condizionata, si sa, è un’ottima soluzione per combattere l’afa della stagione estiva, regala freschezza e sollievo e soprattutto sonni tranquilli a chi, col caldo, non riesce proprio a dormire. Ma siamo sicuri di utilizzarla nella maniera corretta? Conosciamo i rischi a cui viene sottoposta la nostra salute ogni volta che con serenità premiamo sul tasto “ON” per l’accensione del condizionatore? In realtà questo strumento non va utilizzato con superficialità e bisogna sfruttarlo con intelligenza e buon senso. L’aria condizionata può infatti risultare dannosa per la nostra salute e potenzialmente potrebbe provocare:

  • Mal di gola;
  • tosse;
  • raffreddore;
  • mal di testa;
  • torcicollo;
  • dolori osteoarticolari;
  • disturbi intestinali come dissenteria o crampi allo stomaco;
  • infezioni batteriche

 

 

condizionatore lecce

 

Come utilizzare al meglio l’aria condizionata

Per assicurarsi una giornata fresca ma comunque sicura per la nostra salute è necessario prendere le dovute precauzioni nell’utilizzo del condizionatore, ecco qualche consiglio utile per farlo:

Evitare gli sbalzi di temperatura. Creare uno sbalzo di temperatura troppo alto tra l’ambiente esterno e quella impostata sul climatizzatore può provocare sindromi da raffreddamento improvviso. La differenza di condizione termica non deve superare i cinque, sei gradi di differenza.

Non puntarsi il getto d’aria addosso. Un getto diretto sul nostro corpo potrebbe provocare nevralgie, dolori muscolari, torcicollo o disturbi del sonno che incidono sulla disponibilità di energie e sull’umore durante l’arco della giornata.

Effettuare una corretta manutenzione degli apparecchi. I filtri del climatizzatore devono essere costantemente puliti in quanto possono essere rifugi e centri di crescita di germi e batteri come la legionella. Inoltre in questo modo viene evitato anche l’accumulo di polvere, che al momento dell’accensione viene inalata e può creare episodi allergici nei soggetti asmatici o comunque predisposti.

Fare attenzione a dove posizionare i climatizzatori. Bisogna posizionare lo strumento in modo che il getto d’aria non raggiunga in modo diretto le persone che occupano la stanza. In particolare dunque evitare di posizionarlo verso la tavola da pranzo, il divano o la poltrona dove si è abituati a sostare, la scrivania e soprattutto verso il letto. Scegliere una zona di passaggio piuttosto che una di sosta.

Regolare l’umidità. Il calore percepito durante l’estate aumenta soprattutto a causa dell’umidità, i condizionatori creano un ambiente fresco anche perché riescono a deumidificarlo. Non bisogna però dimenticare che l’umidità non deve mai essere eliminata completamente, l’ideale è che il livello rimanga compreso tra un intervallo di 40% e 60%. Creare un ambiente troppo secco potrebbe provocare secchezza alle fauci e dunque mal di gola.

Spegnere il condizionatore durante le ore notturne. E’ meglio non abusare dell’aria condizionata, dopo aver ottenuto un ambiente più fresco è consigliabile spegnere l’apparecchio o ridurne al minimo la potenza.

Evitare di accendere l’impianto se si è in fase di sudorazione o poco dopo aver sudato. Meglio aspettare di asciugarsi qualche minuto.

Godere dei benefici senza rischi

Facendo attenzione a tutti i consigli precedentemente elencati, utilizzare l’aria condizionata vuol dire comunque creare sollievo in chi risente maggiormente degli effetti del caldo. Anziani e bambini ad esempio sono soggetti a più rischi ed evitare le ondate di calore risulta sicuramente benefico. Anche per gli sportivi creare un ambiente fresco in cui allenarsi è consigliabile in quanto una giusta temperatura influisce sulla concentrazione e sulla prontezza, dunque su una più efficiente attività fisica. Allenarsi in un ambiente troppo caldo potrebbe limitare la capacità di sforzo, attenuando dunque gli effetti dell’esercizio fisico, o provocare problemi cardiovascolari soprattutto per i soggetti già predisposti.

 

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *